Elenco blog personale

domenica 22 luglio 2018

Dove l'angelo (3) (di Felice Serino)

Dove l'angelo (3) (di Felice Serino): ti dici quale angelo - quello / delle favole? mentre nel cuore / ti alberga il grido stridulo / del risentimento // -nell'ordine cosmico / è il boomerang che non vedi // dov'è l'angelo ti dici / semmai salga dal fondo / di te a illuminarti? // vieppiù continui; poesia Creative Commons

sabato 21 luglio 2018

Nevermore

Nei tuoi occhi di vento


Mi piace il tuo garbo e altre, con commenti di R. Piazza

Mi piace il tuo garbo
e altre, con commenti di R. Piazza
.


Mi piace il tuo garbo

(a mia moglie Angela)

ora dici mi piace
ancora il tuo garbo
e un pizzicotto mi chiedi
per vedere se non è un sogno
nel letto abbracciati
nel dolce tepore
l'attesa
che salga la luce e c'inondi
grati al cielo d'essere
insieme sembra anniluce
o primavere scandite che
han visto le nostre tenerezze i silenzi

© flymoon aka f. serino

*

Poesia alta e bella che ha per tema l'amore e la tenerezza coniugali. Il tu è Angela
che nell'incipit dice al poeta che gli piace ancora il suo garbo. Idilliaca l'immagine di marito e moglie abbracciati nel letto che attendono la luce a inondarli d'immenso. Sembra che l'amore continui anche dopo anni luce di gioia e il tempo pare magicamente fermarsi.

Raffaele Piazza


* * *

Sogno di carta

alti muri
di carta
laceri strati e strati
senza via d'uscita
labirinti mentali
ove galleggiano improbabili
parole e voci
bagaglio d'un viaggio kafkiano


© flymoon ak f. serino

*

Poesia bella e alta nella quale si respira un'atmosfera di sogno ad occhi aperti come si evince dal titolo. Il linguaggio è scabro ed essenziale e i muri di carta potrebbero essere simbolicamente fatti di libri non letti. Essi creano labirinti mentali ove galleggiano parole e voci in un'aurea kafkiana.

Raffaele Piazza


* * *

Fine anno

semmai un aggancio
la mano del vicino
ora
che un senso di sperdimento
è la vita rivoltata
ma le volte che vi hai sputato

girovagare tra
luminarie e vetrine
ti richiamano all'incanto del bambino
mentre ti lacera dentro
la morte del clochard
sotto i portici nel gelo

© flymoon aka f. serino

*

Poesia alta e bella nella quale domina un senso d'inquietudine. Dopo l'incipit rassicurante nel sollievo della mano del vicino seguono immagini tristi nel dire il poeta un senso di perdita per la vita rivoltata sulla quale è stato sputato più volte. Poi una visione positiva nel contemplare l'incanto del bambino mentre il poeta pensa alla morte del barbone sotto i portici nel gelo. Versi in bilico tra gioia e dolore.

Raffaele Piazza


* * *

Finestre d'aria

fa strano guardarlo
mentre il bacio deponi
come su freddo marmo

dici sembra
dormire

se immagini di aprirgli
la spaziosa fronte
vedresti attraverso
finestre d'aria

come uccelli aleggiare
alfabeti felici
che dicono l'inesprimibile

il tuo
centro

© flymoon aka f. serino

*

Poesia alta e bella la cui cifra distintiva è il senso del mistero. Viene detta un'arcana figura strana da guardare che sembra dormire. Il poeta rivolgendosi ad un "tu" gli dice che aprendo la fronte a tale individuo vedrebbe uccelli aleggiare attraverso finestre d'aria, volatili simili ad alfabeti felici che dicono l'inesprimibile, il centro della sua essenza.

Raffaele Piazza


* * *

Poesia si fa

è che poesia si fa da sé
nel seme del suo autocrearsi

è nella danza del calabrone sul fiore
nel gioco
della luce con l'ombra attaccata ai piedi
nelle parole bagnate in un lancinante addio

casa della poesia è dove nasce l'onda
la radice del vento il volo aquilonare
è vedo non vedo in una grazia velata

poesia è la bellezza
che tiene in scacco la morte

© flymoon aka f. serino

*

Poesia bella e originale nel suo riflettere su se stessa e sulla creatività, genesi della poesia medesima. Efficace l'immagine "nel seme del suo autocrearsi" nel distico iniziale. Seguono immagini come quella del calabrone che danza sul fiore, della casa della poesia dove nasce l'onda. Vaga bellezza nel verso "è vedo non vedo in una grazia velata". Ottimistica e salvifica la chiusa nella quale il poeta afferma che la poesia è la bellezza che tiene in scacco la morte.

Raffaele Piazza

* * *

Luce d'amore

Luce d'amore: carne che presto si dissolverà nell'aria occhi che rideranno al cospetto dell'Assoluto

venerdì 20 luglio 2018

Cosa dice il cuore (di Felice Serino)

Cosa dice il cuore (di Felice Serino): fu il caso o il destino / a farli incontrare / all'uscita del discount sotto l'ombrello // lei la sua verve / lui il suo magnetismo / prima che se ne avvedessero / erano finiti a letto // quanto durò la storia se storia fu? / dalla sera alla mattina - un; poesia Creative Commons

giovedì 19 luglio 2018

Mirta nel pensiero

Mirta nel pensiero


Memoria di te, Mirta, fiorevoli
ricordi di duale adolescenza
per noi quarantenni, quando
tornavamo ragazzi nel gioco
della poesia e dicevi che ero
Montale o Luzi sottesi ai miei
versi come questi che mi detti
scesa dal Cielo nel mio studio
dove di nuovo dimori felice.
Amica Mirta ti sei ammazzata
e ancora non ci credo. Tu sei
ancora anima bella e Dio ti ama
come le stelle che ha creato.
Mi inviti Mirta a non avere paura,
la vita è bella mi dici nell'intessersi
dei miei pensieri con il tuo
spirito infinito.

Raffaele Piazza