sabato 25 maggio 2013

"Dal balcone del corpo" - Antonella Anedda

Note di Andrea Crostelli


Breve considerazione sulla poesia di Felice Serino
LA BELLEZZA DELLA ROSA
[ispirata da una omelia]

le tue scelte abbiano
profumo di Paradiso
-anche se
verità attira
l'odio del mondo

la bellezza della rosa brilla
del sangue sulle spine



Le spine, le croci, il sangue purificante e il sangue purificato in aperture di cielo. La tua poesia Felice è un'apertura sul Vangelo, arriva come un chiarimento, come una traduzione universale, un esperanto che unisce logica e cuore. Ma le emozioni del cuore possono essere tradotte? Forse sì, forse solo in poesia.
* * *


Una nota alla poesia di Felice Serino
NON E' CHE UN PERPETUO TRAMARE

la vita ha in tasca la morte
-siamo noi
divino seme:

non è che un perpetuo
tramare
“cospirazioni” del nascere

miracolo d’amore



Tutti i giorni ci svegliamo e troviamo quel diverso da ieri... qualcuno ha "cospirato", ha tramato affinché nascesse la vita in noi (o ha annaffiato il giardino perché la pianta che siamo si rinvigorisse).

Andrea Crostelli




Da D'UN PRESENTITO CHIARO D'ARMONIE (2)


FELICE SERINO

Da: D'UN PRESENTITO CHIARO D'ARMONIE (2)


Forgetful

ti supera la luce - non
ti appartieni che in parte cerchi

nel sangue l'immemore
tuo nome

*

L'Irrivelato

Lui l'Irrivelato si fa trovare
se provi a squarciare la
maschera che indossi

fino a trasparenza - a farti
piccolo

così
sarà come trovarti
in una selva di gridi:

lepre braccata
dal suo amore esclusivo

*

Kronos

fratto il Tempo

non più riflette
lo specchio - esser vivo
quasi una finzione

Sogno congelato
dove si piega
il cuore

-senza remissione-

*

Coma

(esperienza di pre-morte)

sta per sfociare la vita
nel mare di luce - un rapido
sguardo di là in un tempo sospeso:
come un batter di ciglia: non era
quello il Disegno

*

La visione

ancora sono sogno e inizio
di pensieri e sento
un angelo con l'ali
vellutate coprirmi...

nel bianco silenzio
allagato di luna
mi do d'amore mia "fuga"
nell'intima mia essenza
sorda al mondo...

*

Canzone

[ispirata a una poesia del 2006]

spiove luce
di stelle e in cuore
echi di pace-
vedermi in tutto
col mio sognare
il vissuto
vita sognata

... spiove luce
di stelle stasera
guardare gli anni
in cuore spogliati

*

Verticalità

dolore non solo quello
da carne-urlo animale
(orizzontale) ma sublimato
negli assi della croce
nel divenire guardando
su dove conduce
Passione per la porta stretta

*

Al nostro centro

come in sogno ci desteremo
in un'altra maniera * -
giungeremo
al nostro centro dove
in eterno si brinderà col sangue
della passione al desco
dei martiri e dei santi
-amen-

* "dimensione" espressa in un verso di Pessoa


<<<

ALTRI VERSI


Il poeta

(semiseria)

a tratti l'anima
ora esulta ora si perde
nei bui corridoi delle parole dove
una quartina balenante e poi indistinta
vuol farsi luce ma quasi per sfida
inafferrabile si fa
gioca a nascondino con lui sorpreso
di trovarsi senza carta e penna
risucchiato in vortici di sogno...
ahi! sprovveduto poeta che non sa
raccogliere in tempo un sangue vivo

*

La potatura

(a Pablo Neruda)

(in terra d'araucaria
è luce che tarda a congedarsi
il tuo poema mai finito)

non rami tagli ma versi
a carpire luce a quel sole
d'un generoso Iddio
e maturare frutti sanguigni
dolcissimi come
gli abbracci dei ritorni...


Dedica

Dedicahttp://www.rossovenexiano.com/blog/flymoon/dedica

venerdì 17 maggio 2013

sabato 11 maggio 2013

Creatura - Poesia di Felice Serino (Brevi)

Creatura - Poesia di Felice Serino (Brevi)http://feliceserino.scrivere.info/index.php?poesia=311399&t=Creatura

Germano Mandrillo, "Primo dolore"

http://www.youtube.com/watch?v=wfy5eKtEbFg

Commento a "Sconnessione"


Felice Serino

Sconnessione

Pensavi guadagnare la chiarezza?
la vita imita sempre più il sogno
nelle sconnessioni avanti con gli anni

ti coniughi ad un presente che s’infrange
dove l’orizzonte incontra il cielo:

e ti sorprendi a chiederti chi sei
oggi da specchi rifranto
e moltiplicato
mentre il tempo a te ti sottrae

^

20-02-2013
Redazione Oceano nell'Anima
(Massimo V. Massa)

^

Concisi pensieri in cui sei riuscito a racchiudere il senso del tempo che passa inesorabile, ma che, nonostante l'incedere, la maturità e l'esperienza non ci porta certezze e sicurezze.
I sogni permangono e guai se così non fosse e il futuro continua a riflettersi nello specchio dei dubbi interiori che rifrangono le nostre fragilità.
Profonda riflessione, Felice.





Luigi Giordano


LUIGI GIORDANO

Nei giorni tranquilli che precedono
la mattina della messa
nell’orto abbandonato
ti accompagnano piccoli rumori,
rami secchi e suoni di piccoli animali,
un tavolo vecchio, una bottiglia dal vetro verde,
una tazza venata, un lapis sdentato, e un forcone
dal manico consumato.
Quando sei solo, tutto cambia forma,
anche la terra e i profumi, e
All’improvviso le persone passate
ritornano sotto i venti di scirocco
per ripartire dopo la messa
guardando passare dall’orto i ricordi.

*

Quanti timidi veli la notte stringe tra le dita
Quante mani incrociate
Le chiese sono piene di ginocchia lussate
Tutti i giorni sono come gli anni
Come terribili tempeste
E croci accecate da fulmini
Mentre si leva dalla ciurma la preghiera
Nessuna preghiera ce li fa tornare
Che breve cammino
Lascia l’albero maestro
Vieni via con me prima,
Prima che il mare ci cacci.

*

Il tempo è strano
qualche passo ed entri in casa
i panni sono ancora sulla sedia
il caffè sale borbottando
il fuoco vola in cielo
lasciando l’ultima cenere bianca
le parole e le cose osservano
una pausa di silenzio.
Io me la ricordo così questa storia.

*

IL CINEMA

Probabilmente non ci sarai
tra strade e alberi che corrono nella notte
e luci,
non ci sarai al caffè
non ci saranno più gesti e voci,
non ci saranno più le strade bagnate
e i lunghi viali
nei colori delle foglie
d’un cinema appena chiuso
nel sapore delle caramelle
mentre il proiettore urlava il cinegiornale

*


La visione

La visionehttp://www.rossovenexiano.com/blog/flymoon/la-visione