sabato 8 agosto 2015

Cesare Pavese - La Notte


La notte

   Ma la notte ventosa, la limpida notte
che il ricordo sfiorava soltanto, è remota,
è un ricordo. Perdura una calma stupita
fatta anch'essa di foglie e di nulla. Non resta,
di quel tempo di là dai ricordi, che un vago
ricordare.
    Talvolta ritorna nel giorno
nell'immobile luce del giorno d'estate,
quel remoto stupore.
           Per la vuota finestra
il bambino guardava la notte sui colli
freddi e neri, e stupiva di trovarli ammassati:
vaga e limpida immobilità. Fra le foglie
che stormivano al buio, apparivano i colli
dove tutte le cose del giorno, le coste
e le piante e le vigne, eran nitide e morte
e la vita era un'altra, di vento, di cielo,
e di foglie e di nulla.   
          Talvolta ritorna
nell'immobile calma del giorno il ricordo
di quel vivere assorto, nella luce stupita.

(16 aprile 1938)

Cesare Pavese, Le poesie aggiunte e Appendice,
Lavorare stanca 1936 - 1943, Einaudi

Nessun commento:

Posta un commento