sabato 5 dicembre 2015

Commenti di R. Piazza a 5 poesie

 

 

Commenti di Raffaele Piazza

su www.rossovenexiano.com

.

Il giorno a schiarire

il giorno a schiarire

risalendo

con gl'occhi della memoria

ad arcobaleni e

transiti propiziatori

riscoprendo quel vento che

nel suo azzurro vortice

risucchi lo sprofondo d'apatia e

rigonfi le vele per

l'avventura

© flymoon aka felice serino

*

piazzaraffaele@otlook.it • 5 9 15

Poesia alta, bella, leggera, veloce e luminosa risolta in un unico respiro. Protagonista è un senso di ottimismo che si trasmette dal poeta al lettore, attraverso le immagini di una schiarita atmosferica che arriva anche all'anima. E' vinta l'apatia, nemica di ogni tipo di felicità anche tramite "gl'occhi della memoria" (immagine sublime), una memoria selettiva di cose belle accadute. Così largo alle vele per l'avventura della vita.

 

Raffaele Piazza

* * *

 

A lato del cuore

non voltarti

indietro - mi dico -

percorri lo stretto

marciapiede a lato del cuore:

nel profondo di te nel buio

di stelle calpestate

ascolta il grido

verticale

che da caduta si fa preghiera

© flymoon

*

piazzaraffaele@outlook.it • 10 10 15

In questa poesia elegante, controllata e ben risolta, l'io-poetante si rivolge a se stesso. Intraprende un cammino di redenzione percorrendo lo stretto marciapiede a lato del cuore (immagine bellissima).

Tutto resta presunto e magicamente sospeso. Sappiamo che c'è un grido che da caduta si fa preghiera. Un misticismo tipico del poeta permea questi versi, che hanno anche una valenza filosofica.

 

Raffaele Piazza

* * *

 

Quel che sono

(ispirandomi a Nicodemo)

sono quelle immagini

che in me parlano

a consegnarmi a un io

vissuto come in sogno

nell'avvicendarsi degli anni

m'inerpico sulle spalle

di quell'io di ieri

per vedere il mondo dall'alto

© flymoon

*

piazzaraffaele@outlook.it • 25 10 15

Il poeta si ispira a Nicodemo, discepolo di Gesù, autore di un vangelo apocrifo.

Composizione alta, in ininterrotta sequenza, molto bella e originale nel presentarsi dell'io poetante nel riflettere ontologicamente su se stesso. Poesia esistenziale e affascinante nella quale il poeta si vede come immagine o sogno in un tempo che passa e che solo la feritoia dell'attimo (che è la poesia stessa), può fermare.

Raffaele Piazza

*

Giovanni Perri

Ottima Felice! Tu sogno e veglia nano e gigante..tu tempo nel tempo oltre il tempo.

 

* * *

 

 

Come in sospensione

aria dolce della sera

unghia di luna

sovrastante

la linea cielomare

questo sentirsi

come in sospensione

un sognarsi altro da sé

a dilatarsi in un

ignoto spazio

mentre la vita impone

suoi ritmi

© flymoon

*

piazzaraffaele@outlook.it • 7 11 15

 

Si nota in questo componimento bello e alto, felicemente risolto in unico respiro, una tensione al dilatarsi, al sognarsi, all'indifferenziarsi nell'universo da parte dell'io-poetante. Un senso di dolcezza aleggia nelle immagini (molto belle unghia di luna e linea cielomare).

Raffaele Piazza

 

* * *

 

Nell'ultimo

a Madre Teresa

di Cristo mi graffia

la bellezza

tocco

nell'ultimo la sua

dolorante carne

 

© flymoon

*

piazzaraffaele@outlook.it * 21 11 15

Poesia bella alta, mistica, concentratissima nella sua brevità risolta in un unico respiro.

E' pervasa da un misticismo sensuale (i graffi) modo sublime di giungere a Dio

Il titolo potrebbe riferirsi alla fine, ma anche al termine del male per l'aprirsi di un'era felice.

Raffaele Piazza


 

Nessun commento:

Posta un commento