mercoledì 13 aprile 2016

Adesso madre


Adesso madre
fuoco


Ci contiene la camera annudata dal tempo
pareti calcinate ed è agosto nel cuore duale
nei sensi rievocati di chiara brezza calda
in orgasmi dopo il cielo nell'anima nei corpi
fiori, piacere creato da Dio che ci raggiunge
in bianco di perla da me a te nel fiore della tua bocca
e si spande nel resto del letto, margherite fiorite
dei tuoi misteri.

Raffaele Piazza

1 commento:

  1. Versi serrati senza interruzioni, che creano pathos nel lettore. Una chiusa splendida. Poesia di rara bellezza.

    RispondiElimina