lunedì 30 maggio 2016

Alessia e la pioggia dai pini


Alessia e la pioggia dai pini

.
Sera d'incanto fiorevole per Alessia
sottesa alla pioggia dai pini.
Tavolo di bar a dissetarsi con
acqua sorgiva Alessia rosavestita
di maggio pari a fiore già colto
e da non cogliere. Chiara luminosità
di Venere sospesa e lunanuova
ostia di platino. Ossigeno Alessia
a pervadere in attimi d'aurora
serale. Capelli bagnati di Alessia
(arriva il sorriso di Giovanni, di limbo
atmosfera dove era già venuta).

Raffaele Piazza

1 commento:

  1. Incanto e luminosità in questi versi. Ricrearsi di magia dei luoghi già visitati, o solo sognati.

    RispondiElimina